clausBlog

Val di Mello, Cochise + Kundalini

with one comment

Giornata un po’ ‘così’ in Val di Mello. Partiamo al solito senza le idee chiare sul da farsi. Strada facendo decideremo poi per questa via. Il tempo è insignificante, nè brutto nè bello con nuvole basse a strati un po’ ovunque. Lasciata l’auto al termine della strada percorriamo la breve e piacevole camminata che conduce ai piedi delle Dimore degli Dei. C’è un po’ di traffico ma sono tutti diretti sull’adiacente Kundalini, quindi dovremo condividere solo un sosta. Nell’attesa si chiacchiera un po’ e finalmente si parte.Un lungo traverso a destra, tranquillo e ben proteggibile, porta ad una comoda sosta. Aspettiamo di nuovo il nostro turno e riparto io: traverso sotto il tetto dell’ala di pipistrello e poi prendo la fessura, da proteggere a nut, che permette di guadagnare, con un’uscita non banale, la prima sosta di Cochise. Tocca a Luca ma al primo spit decide di scendere e mi cede in blocco la via. Il primo tiro è rilassante con l’unica difficoltà sul passaggio iniziale, per il resto è una bella placca di movimento su svasi e “funghetti” , col culo ben parato. Il secondo, dopo qualche metro di giardinaggio oppone un singolo impegnativo per concatenare due concrezioni. Sul terzo tiro le difficoltà sono minori, compensate dalla chiodatura un po’ più lunga. Qua si conclude Cochise, a mio parere una via molto piacevole e ottimamente ri-attrezzata (a fix inox al posto dei tasselli da 8 usati in apertura), di media difficoltà, che propone un’arrampicata per nulla faticosa e passaggi di gran soddisfazione motoria.

1988. I giovanissimi locali imparano la nuova lezione.Maspes e Stefano Mogavero apprendono l’uso del perforatore e aprono dal basso un’altra via destinata a divenire classica, Cochise, una grossa variante diretta della classica Kundalini, lungo una placca già percorsa in precedenza da Massimo Sala e C. Il Sala perdona poi il sedicenne Rampikino che ripete l’Amplesso Complesso del Precipizio togliendo un misterioso spit aggiunto sul tiro chiave da ignoti… fonte valdimello.it / rampik

Se si chiude la salita a questo punto è una via da mezza giornata. Proseguendo sulla parte finale di Kundalini diventa un po’ più interessante. Tagliamo dal Bosco dei Folletti ritrovando un po’ di traffico. Da qui salgo una facile placca fessurata poi tocca a Luca su un lungo traverso a sinistra facilmente proteggibile. Di nuovo io sulla penultima lunghezza che presenta un passaggio di VI+ in dulfer oltre uno spigoletto. Lo stesso spigoletto che strozza le corde e costringe a tirare come animali da soma per guadagnare la sosta. Dopo un po’ di casino con l’altra cordata tocca a Luca uscire dalla via con un’ultima semplice lunghezza.

Val di Mello, Dimore degli Dei Val di Mello, Dimore degli Dei Val di Mello, Dimore degli Dei Val di Mello, Dimore degli Dei Val di Mello, Dimore degli Dei

Annunci

Written by claus

22 settembre 2008 a 3:46 pm

Pubblicato su montagne

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Vedo che ti tratti sempre bene in Val di Mello. Chissà, prima o poi ci farò un salto… intanto addocchio e tengo d’occhio

    flaco

    3 ottobre 2008 at 4:03 pm


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: