clausBlog

Vacanze 2008 #4

leave a comment »

L’indomani è di nuovo giorno di relax. Passiamo oziosamente la mattinata girovagando un po’. Il pomeriggio decidiamo che per la sera si farà una bella grigliata. Compriamo una quantità indegna di carne di agnello appena macellato e un’ottima bottiglia di Montepulciano e partiamo in esplorazione con l’auto per trovarci il posto adatto (sarebbe troppo scontato farla in campeggio!). Facciamo un bel po’ di strada passando per luoghi affascinanti e selvaggi. Poco dopo S. Stefano Sessanio, nei pressi della Rocca di Calascio troviamo finalmente il posto che ci aggrada. Inutile dire che carne e vino sono stati davvero ottimi. Ora il problema sarebbe piuttosto capire se le poche ore di sonno che ci restano da dormire al rientro sia sufficienti a smaltire l’abbuffata. Il mattino dopo infatti andremo a scalare al Corno Grande.
Ad ogni modo alla mattina percorriamo la lunga strada fino a Campo Imperatore e ci incamminiamo un po’ intorpiditi. La giornata è, tanto per cambiare, perfetta. Un vento freddo ci terrà però compagnia per tutta la scalata. Trovato senza intoppi l’attacco dell’evidente spigolo SSE, ci copriamo con tutto quello che c’è nello zaino e partiamo veloci sperando di arrivare presto al sole, che non tarderà a darci sollievo col suo tepore. Nelle prime lunghezze non trovo soste così attrezzo interamente, l’arrampicata è nel più classico stile dolomitico, un po’ rude con talvolta qualche appiglio o appoggio da usare con cautela. La zona centrale dello spigolo riserva le maggiori difficoltà tecniche ma sopratutto di orientamento. Devo cercare un traverso a sinistra a prendere un diedro. Il primo tentativo fallisce, non è quello giusto e devo ritornare sui miei passi. Poi Marlen intuisce il passaggio che si rivela corretto. La salita riprende così più spedita.E’ semplicemente tutto bello e l’ambiente è di prim’ordine. Raggiunta la vetta occidentale proseguiamo ancora per cresta in conserva e, ormai in vista della vetta principale ci sleghiamo.
Finalmente calchiamo la cima di questa bella montagna. Dopo una salita in completa solitudine fa un po’ strano trovare un piccola folla di escursionisti assiepati intorno alla croce. Ci soffermiamo qui un bel po’, mangiamo, firmiamo il libro, e ci godiamo il sole e lo splendido panorama. La discesa non sarà brevissima. Lasciamo il sentiero affollato per seguire la lunga cresta W. Finita finalemente la roccia ci resta solo una lunga camminata per prati da cui possiamo ammirare la linea appena salita. Arriviamo all’auto stanchi ma più che soddisfatti. Una bella doccia e una buona cena sarà il modo migliore per concludere la giornata. Con questa scalata è anche terminata il nostro soggiorno sul Gran Sasso…il giorno dopo “via!verso nuove avventure!”

Annunci

Written by claus

29 agosto 2008 a 12:08 pm

Pubblicato su montagne

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: